Rimedi contro la muffa in casa

Innanzitutto serve capire che cos’è la muffa: si tratta semplicemente di un fungo che non solo porta fastidiosissime ed antiestetiche macchie grigiastre, verdi o nere sulle pareti di casa ma soprattutto può essere potenzialmente pericolosa per gli uomini, soprattutto indebolendo il sistema immunitario e creando problemi al sistema respiratorio.

Le cause più frequenti di formazione della muffa sono l’umidità, la cattiva circolazione dell’aria, le pareti troppo fredde rispetto al clima della stanza o ancora, possibili infiltrazioni.

Un deumidificatore ai sali in ogni stanza può rivelarsi un’utile prevenzione.

Prevenire la muffa sulle pareti e più in generale in casa, evitando soprattutto il diffondersi delle spore, potenzialmente pericolose, può essere semplice; bastano solo piccoli accorgimenti: innanzitutto evitare il formarsi di umidità sia installando una ventola in bagno che andrà accesa per circa un quarto d’ora dopo ogni doccia (una soluzione alternativa può essere quella di lasciare accese le luci sia cinque minuti prima che dieci minuti dopo una doccia o un bagno caldo; la muffa prospera al buio!) sia evitando di far asciugare i vestiti in casa (sempre meglio sul terrazzo o con un’ asciugatrice) ma anche installando la cappa in cucina, stare attenti all’isolamento della casa (ad esempio scegliere le tinture a calce per le pareti), stare attenti alla pulizia della doccia, evitare se possibile gli armadi a muro eccessivamente ingombranti (la muffa si annida facilmente sulle pareti coperte) ma anche le piante d’appartamento in quantità eccessive.

Schimmel
Un’idea un pò più particolare? Pulite la doccia e, in generale, utilizzate all’inizio di ogni stagione autunnale, una buona passata di cera per auto per pulire la doccia.

Rimedi naturali contro la muffa

Se tutti questi rimedi non impediscono alla muffa di infiltrarsi nella vostra casa, i rimedi naturali sono molti: si può preparare un detersivo semplicemente con acqua ossigenata, bicarbonato, acqua e sale fino. Basta unire il tutto, mescolare e inserire il detersivo in uno spruzzino.

Utilizzatelo direttamente sulle macchie di muffa e strofinate con uno straccio. Dopo quattro o cinque applicazioni il “nemico” si arrenderà!
Un altro ottimo rimedio soprattutto per tende,abiti, tessuti in generale e piastrelle della doccia è il semplice succo di limone: pretrattate con un mix di limone e sale le macchie, i risultati sono garantiti.
Muffa sui libri? Eliminate la muffa con una passata di straccio, versate del talco e lasciate il libro per un’ora. Togliete il talco ed il libro sarà come nuovo.
Due cucchiai di aceto diluiti in una tazza d’acqua saranno efficacissimi su pareti e tappezzerie.

Rimedi chimici contro la muffa: si trovano in commercio molti prodotti specifici contro la muffa, basterà scegliere quello che più si addice alle vostre esigenze. In ogni caso il più classico rimedio è quello di diluire due cucchiai di candeggina in circa un litro d’acqua tiepida. Strofinate sulle macchie di muffa e lasciate agire per dieci minuti prima di asciugare (è sempre utile proteggersi con guanti di lattice ed abiti che non indossiamo più per questa operazione).
Anche il perossido di idrogeno al tre per cento passato direttamente su piastrelle attaccate dalla muffa si rivela spesso un ottimo rimedio non solo per le macchie ma anche per eliminare l’odore che a volte la muffa porta con sè.

1 Commento

Che ne pensi? Lascia un commento
  1. Ho avuto anche io per anni problemi di muffe diffuse in casa ed ho provato di tutto dai prodotti a base di cloro fino a dubbie sostanze che promettevano miracoli.
    Ormai però ho risolto, da quando ho conosciuto un prodotto veramente efficace e sicuro per la salute.
    Ora non so se qui posso citarlo, posso dirvi che è un antisale che, con un principio del tutto diverso dai soliti prodotti in commercio, risolve ala radice la condensa e l’umidità muraria e quindi annienta le muffe per sempre.
    Si chiama igrod** e lo trovate su tutti i motori cercando antisali innovativo. Spero di esservi stato di aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *