in

Lavatrice con carica dall’alto: vantaggi e svantaggi

Le lavatrici a carica dall’alto costituiscono una piccola nicchia di mercato caratterizzata principalmente da modelli di fascia media o economica. Scopriamo insieme quali sono i vantaggi (e svantaggi) di questo elettrodomestico.

Lavatrice carica dall’alto: caratteristiche e funzionalità

Il loro design, funzionale all’ottimizzazione degli ingombri e della facilità d’utilizzo, prevede uno sportello di carico situato nella parte superiore in luogo del classico oblò frontale. In virtù di tale architettura, il cestello viene ruotato di 180° e posto in posizione longitudinale in modo da ridurre la larghezza della lavatrice.

Queste caratteristiche comportano ovviamente delle differenze sia nel ciclo di lavaggio che nell’utilizzo pratico della lavatrice, dalle quali si possono dedurre alcuni vantaggi e svantaggi che andremo di seguito ad analizzare.

Lavatrice a carica dall’alto misure e capacità di carico

A parità di capienza, in una lavatrice a carica dall’alto le misure sono più compatte rispetto ai modelli a carica frontale. Il cestello longitudinale permette infatti di ridurre la larghezza fino a 40 cm, mantenendo una profondità standard di 60 cm, un’altezza di 90 cm e un carico variabile dai 5 agli 8 Kg.

Tali caratteristiche strizzano l’occhio alle famiglie meno numerose, che necessitano di una lavatrice a carica dall’alto dalle misure contenute. Gli ingombri ridotti permettono di collocare la lavatrice anche negli spazi più angusti, come ad esempio un ripostiglio, un sottoscala o un piccolo bagno. La possibilità di caricare la lavatrice dall’alto, senza doversi chinare, rappresenta inoltre un enorme vantaggio per le persone anziane.

Viceversa, con una capacità di carico massima di 8 Kg, le lavatrici a carica dall’alto non si addicono alle famiglie numerose e a chi predilige lavare volumi di bucato maggiori a intervalli più ampi. Tuttavia, coloro che effettuano lavaggi frequenti gradiranno la presenza di programmi più rapidi e la possibilità di aggiungere dei capi a lavaggio in corso; caratteristica che sulle lavatrici a carica frontale è ancora poco diffusa.

Dove comprarle?

Lavatrice a carica dall’alto prezzi

Oggi giorno è facile trovare sul mercato una lavatrice a carica dall’alto a prezzi contenuti. Le dimensioni compatte, unite alle differenti soluzioni di design, rendono queste lavatrici molto vantaggiose rispetto alle varianti con oblò frontale.

I modelli più economici di Classe A+ costano infatti dai 200 ai 300€; quelli più efficienti, che arrivano fino alla Classe A+++, vengono invece proposti a un prezzo compreso fra i 400 e i 600€ a seconda delle caratteristiche tecniche e della capacità di carico.

Le differenze di prezzo fra una lavatrice a carica dall’alto e una tradizionale risiedono principalmente nella modalità di accesso al cestello e nel design di quest’ultimo.

A parità di efficienza energetica, l’assenza dell’oblò in vetro e un maggior impiego di componenti in plastica contribuisce a ridurre il prezzo a fronte di una minore resistenza all’usura. Inoltre, sulle lavatrici a carica dall’alto il cestello e i suoi cuscinetti sono generalmente sottoposti a un’usura maggiore a causa della rotazione longitudinale. Pertanto, è consigliabile valutare le proprie esigenze di longevità e frequenza d’utilizzo prima di decidere quale versione acquistare.

Lavatrice con carica dall'alto: vantaggi e svantaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come pulire la cappa in acciaio della cucina

Come pulire la cappa

Frigorifero non funziona: ecco cosa fare

Frigorifero non funziona: ecco cosa fare