Come lavare lo scaldaletto (e conservarlo bene)

Lo scaldaletto è un fantastico prodotto che regala un giusto tepore sotto le lenzuola: rimuove il freddo ed ogni traccia di umidità rendendo il sonno piacevole e duraturo. Ma come prendersene cura? Si può lavare? Si può mettere in asciugatrice lo scaldaletto? Scopriamo insieme come mantenerlo pulito ed asciutto al termine della stagione di utilizzo.

Come lavare lo scaldaletto?

Diversamente dai primi e vecchi modelli, ad oggi gli scaldaletto possono essere lavati in lavatrice (fai sempre riferimento alle istruzioni d’uso del modello che hai acquistato).

Prima della pulizia dell’apparecchio dovrai staccare le spine della corrente (quelle con i telecomandi per intenderci) e, dopo aver verificato le indicazioni riportate sull’etichetta del prodotto che hai acquistato, fare un lavaggio in lavatrice dello stesso.

Generalmente possono essere lavati in lavatrice ad una temperatura massima di 40° e con un programma delicato a bassa centrifuga.

Dopo il lavaggio, non effettuare una nuova centrifuga perché potrebbe danneggiarlo.

Posso mettere lo scaldaletto in asciugatrice?

Anche in questo caso dovrai sempre far riferimento alle istruzioni d’uso dell’apparecchio che hai comprato. In linea generale, lo scaldaletto può essere lavato in lavatrice ed asciugato in asciugatrice purché si utilizzi un programma delicato a temperatura moderata.

Dopo l’asciugatura è bene lasciar asciugare completamente il prodotto stendendolo all’aria, per rimuovere ogni traccia di umidità.

Potrai utilizzarlo nuovamente solo quando sarà perfettamente asciutto: per questo motivo consiglio di lavarlo solo a fine stagione.

Come stendere lo scaldaletto

Se non hai un’asciugatrice, puoi asciugare il tuo scaldaletto stendendolo all’aria aperta: ricorda che per non danneggiare i filamenti interni dell’apparecchio, dovrai evitare l’utilizzo di mollette per il bucato e dovrai distenderlo cercando di raggiungere le sue dimensioni originali. Questo significa che i fili interni saranno ben stesi garantendone il suo perfetto funzionamento.

Per verificare se i cavi interni sono “attorcigliati”, puoi mettere lo scaldaletto in controluce dove potresti riuscire a vedere la posizione dei filamenti interni. È moto importante che siano ben distesi perché l’apparecchio possa funzionare correttamente.

Come riporre lo scaldaletto

Una volta che l’apparecchio sarà ben asciutto, potrai piegarlo come una normale coperta e riporlo nella sua confezione originale oppure, se preferisci, in una scatola da riordino.

Non sei sicura che il tuo scaldaletto sia lavabile? Io utilizzo un modello Imetec che mi permette di lavarlo ed asciugarlo come indicato in questo articolo:

Come lavare lo scaldaletto (e conservarlo bene)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambio di stagione: come farlo in modo impeccabile

Asse da stiro: guida alla scelta