Come pulire le tapparelle (bene) in poco tempo

Una delle faccende domestiche non troppo gradite è sicuramente quella che riguarda la pulizia delle tapparelle. Ma con il tempo tendono ad accumulare sporco, pollini e polveri portate dal vento e dalla pioggia battente. Per questo motivo è necessario prevedere un intervento periodico ed è fondamentale sapere come pulire le tapparelle per poterlo fare in poco tempo e con ottimi risultati. Vuoi saperne di più? Continua a leggere…

Pubblicità

Pulire avvolgibili e tapparelle – Le fasi preliminari

Prima di iniziare la pulizia vera e propria dovrai assicurarti di avere a portata di mano tutto l’occorrente, ovvero:

  • un paio di guanti di gomma
  • una scala
  • un pennello asciutto a setole morbide
  • un secchio
  • il mocio
  • un panno in microfibra
  • aceto bianco (per le tapparelle in plastica/alluminio/PVC)
  • sapone di Marsiglia (per gli avvolgibili in legno/metallo)

La fase successiva consiste nell’aprire il cassonetto delle tapparelle. Questa operazione è particolarmente delicata, poiché dovrai fare attenzione a non danneggiarlo e, cosa ancora più importante, non farti male. Sempre per garantirti la massima sicurezza dovrai assicurarti che la scala sia perfettamente stabile e ricordare di non sporgerti mai dalla finestra mentre effettui la pulizia (attenzione soprattutto se stai lavorando su avvolgibili ai piani più alti).

Hai già preparato tutto? Bene, iniziamo!

Togliere la polvere dagli avvolgibili

Qualunque sia il materiale con cui sono realizzati i tuoi avvolgibili, prima di iniziare il lavaggio vero e proprio dovrai togliere la polvere. Per farlo puoi aiutarti con un pennello a setole morbide asciutto, che passerai tra le stecche dell’avvolgibile.

Per spolverare la parte interna l’avvolgibile dovrà essere completamente abbassato (meglio se a buchi lenti), mentre la parte esterna la potrai detergere dopo aver alzato le tapparelle. In questo modo la superficie da pulire verrà a trovarsi tutta all’interno del cassone e potrai togliere la polvere con facilità. Nessun problema invece se la porta finestra si affaccia sul terrazzo o sul giardino: in questo caso potrai facilmente pulire la parte esterna procedendo come quella interna.

Se hai seguito i consigli che ti abbiamo dato riguardo alla cadenza con cui spolverare in casa non dovresti avere molta polvere da togliere, ma è comunque necessaria una pulizia approfondita per assicurarti di eliminare ogni traccia di sporcizia dalla superficie che andrai a lavare.

Pulire gli avvolgibili in plastica, PVC o alluminio: ecco qualche trucchetto

I tuoi avvolgibili sono in plastica, alluminio o PVC? Per farli tornare splendenti dovrai preparare un secchio d’acqua calda nel quale verserai tre tappi di aceto bianco. Fatto questo immergici il mocio, strizzalo bene e passalo su tutte le stecche delle tapparelle. Asciuga poi bene con un panno asciutto per completare l’operazione.

Visto come è stato facile e veloce pulire le tue tapparelle? Se noti che sono rimaste piccole macchie di unto potrai eliminarle utilizzando un po’ di bicarbonato, che farai sciogliere nell’acqua calda. Immergici il panno in microfibra e passalo sui punti ancora unti: il risultato ti stupirà!

Tapparelle in legno o metallo: come farle splendere?

Le tapparelle in legno o in metallo sono sicuramente un must delle abitazioni moderne. Per mantenerle sempre perfette puoi preparare una soluzione con acqua e sapone di Marsiglia. Nel detersivo naturale fai da te appena realizzato immergi il panno in microfibra, poi passalo sulle stecche dell’avvolgibile.

Anche in questo caso, una volta terminato il lavaggio, ricordati di asciugare bene l’avvolgibile con un panno asciutto.

Soddisfatta dei risultati ottenuti? Seguici sui canali social per avere sempre consigli preziosi per la pulizia della casa e il risparmio!

Non perdere anche questi consigli:

↪ Vuoi chiedere consigli? Unisciti al nostro gruppo Facebook e seguici su Pinterest ed unisciti al nostro canale Telegram per condividere foto, chiedere consigli o semplicemente fare 4 chiacchiere in compagnia!